qbbq

Quanto basta di cucina & altro

Condanna a morte per lo sgombro?

with 3 comments

Sgombri/Photografia: H Taillard/Corbis/The Guardian 22 agosto 2010

Sgombri/Photografia: H Taillard/Corbis/The Guardian 22 agosto 2010

La notizie forse puzza un po’perché non è freschissima, ma vale la pena che sia ripresa, considerata la rilevanza dell’argomento e il fatto che è quasi passata sotto silenzio in Italia: anche gli sgombri potrebbero diventare a rischio estinzione.Settimana scorsa un articolo del The Guardian strillava: L’Inghilterra si prepara ad una guerra sugli sgombri contro Islanda e Isole Fær Øer.
La stampa Italiana, a parte qualche valente sito, non ne ha dato notizia. I giornalisti di settore erano forse ancora affaccendati nell’ennesimo, originale, utilissimo pezzo sulla “cucina estiva della nonna Abelarda”.

Eppure il tema è scottante. Lo sgombro è uno di quei pesci che secondo molte associazioni mondiali possiamo mangiare con la coscienza pulita: ce n’è in abbondanza, fa bene, non costa molto. NO al tonno a rischio estinzione, SI allo sgombro che “gode di buona salute”: il mantra di questi ultimi anni, da parte degli esperti. Ora anche lo sgombro potrebbe fare la fine del tonno: essere pescato allo sfinimento e entrare nella triste lista delle creature a rischio d’estinzione.

A corto di soldi, l’Islanda e le Fær Øer hanno deciso unilateralmente, in violazione di accordi internazionali esistenti, di aumentarsi le proprie quote di pesca degli sgombri: da 2.000 a 130.000 tonnellate per l’Islanda e da 25.000 a 85.000 per le le Fær Øer.
Secono WWF Scozia questo equivarrebbe a una sentenza di morte per lo sgombro.

Written by stefano arturi

29/08/2010 at 22:33

3 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. effettivamente sembra che non ci sia fine allo sfacelo. speriamo che questo comportamento venga cosi’ censurato dalla comunita’ internazionale da convincere i due paesi a desistere.
    altrattanto scandaloso che la nostra stampa non ne abbia parlato.
    io al pesce ho quasi rinunciato, oserei dire “per sfinimento” : ogni tanto sardine e palamite.
    ciao
    s

    stefano arturi

    30/08/2010 at 22:33

  2. Mi lascia perplessa lo sproporzionato aumento deciso unilateralmente da questi due paesi. Credo proprio ci dovremo rassegnare a sentire sempre più spesso simili, avvilenti notizie. Ce la siamo cercata, come al solito.
    Mi associo a Dida nei ringraziamenti. Bravo, ché di queste cose non si parla mai, o quanto meno non abbastanza.

    Duck

    30/08/2010 at 22:33

  3. questa è davvero una brutta notizia! di sgombro ne consumo tanto proprio in virtù della consapevolezza che si trattasse di un pesce ‘abbondante’ sigh:((( quali potrebbero essere possibili alternative? il pesce bandiera-serra.spatola, anch’esso presente più volte a settimana sulla mia tavola corre lo stesso rischio?
    grazie sempre Stefano dei tuoi post di informazione!
    un caro saluto
    dida

    dida

    29/08/2010 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: