qbbq

Quanto basta di cucina & altro

Sugo al melone e basilico

with 4 comments

Sugo al melone

Sugo al melone

La ricetta mi adocchiava dal questo ottimo libro da molti anni: ma l’italiano conservatore che è in me, la snobbava, non le dava fiducia, la guardava come si guardano, compatendoli,  quei tedeschi in vacanza sul Garda, con sandali e calzini. Eppure il pedigree è eccezionale: ribadisco che se si vuole imparare a cucinare italiano, i libri di Marcella Hazan valgono oro, molto meglio del Talismano, per me.

Ieri mi sono deciso. “Basta, s’ha da prova’!”. Prima però ho anche cercato in internet: di fatto non solo esiste una versione leggera di questo sugo, ad opera di Giuliano Hazan, figlio di cotanta madre, ma esistono anche diverse versioni nostrane.

Ho poi provato, apportando modifiche e… pur non essendo un sugo che vorrei mangiare spesso, è indubbiamente buono. Una sugo curioso, secondo me comunque poco italico, ma buono. Ho usato la creme fraiche (Esselunga) al posto della normale panna per introdurre una nota acidula, ho usato molto più succo di limone e abbondantissimo pepe nero e alla fine ho aggiunto anche una dadolata di pomodoro e basilico spezzettato, sempre per temperare la dolce perentorieta’ del melone.

Secondo me funziona meglio con penne rigate o farfalle, piuttosto che con gli spaghetti-bucatini-tonnarrelli raccomandati dagli Hazan, madre e figlio.

Sugo al melone e basilico

Per 450 g pasta

1 melone retato, 1.300 kg circa, pelato e tagliato a cubetti
30 g burro
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
Sale, pepe nero
Succo di mezzo limone
2 cucchiai di creme fraiche
Basilico spezzettato
2 pomdori maturi, tagliati a cubetti
Pecorino grattuggiato

Fate sciogliere il burro e cuocetevi il melone a fiamma gagliarda. Dopo circa 10 minuti, iniziera’ a disfarsi: schiacciatelo con una forchetta per aiutare il processo.
Aggiungete il concentrato di pomodoro, il succo di limone, sale e abbondante pepe nero.
Mescolate e aggiungete la panna. Fare ridurre il sugo fino alla consistenza desiderata.
Correggete di sale, pepe, e limone. Il sugo deve risultare piccantino e con una avvertibile nota di limone.
Conditeci la pasta, mantecandola con il pecorino.
Alla fine unite la dadolata di pomodori e il basilico.

 

La storia di questa ricetta è anche raccontata qui (leggete i commenti).

 

About these ads

Written by stefano arturi

07/08/2011 at 22:33

4 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Mah mah mah.
    Con le dovute tue correzioni questa pasta mi sembra più appetibile.
    Rimane la perplessità del melone cotto, che mi fa un po’ impressione…
    Ma a me la frutta nei piatti salati piace e chissà che un giorno (da sola, figurati se la Spia si mangia una pasta così) non ci provi anch’io.
    Baciamo le mani

    Duck

    09/08/2011 at 22:33

  2. che ricettina… veramente audace
    effettivamente potrebbe essere buona, ma mio marito mi ha vietato di mettere ancora il limone nel sugo della pasta, per via di esperimenti di dieci anni addietro, che sono ancora ricordati come riprova della mia incapacità culinaria di allora

    valentina

    19/08/2011 at 22:33

    • :) le regole sono fatte per essere violate, direi (quanto meno a questo livello di divertimento). prova con meta’ melone e meno limone: al massimo… dai al cane/gatto/pattumiera….ciao val st

      stefano arturi

      19/08/2011 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 82 other followers

%d bloggers like this: