qbbq

Quanto basta di cucina & altro

Uova con maionese e pastinache, un ottimo antipasto – egg mayonnaise with parsnip cream

with 3 comments

Pastinache con maionese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le pastinache sono ora difficilmente reperibili in Italia ed è strano perché sono appartenute al nostro patrimonio alimentare, fino a tempi non lontanissimi.
Un breve excursus:

Questo è Apicio, vissuto ai tempi dell’imperatore Tiberio, a cavallo tra il primo secolo prima di Cristo e il primo secolo dopo Cristo

 

Mentre questo è Vincenzo Corrado (1773 e che ha molte ricette per questa verdura):

 

Mentre questa è Matilde Serao, nel suo Il ventre di Napoli (1884)

Interessante questa cosa napoletana,Da quel che ho capito, i poveracci andavano dall’oste con del pane e si compravano appunto un soldo di “spiritosa” (o di scapece) che l’oste versava sul pane.Voi ne avete mai sentito parlare?

Qui in Inghilterra invece sono molto comuni. Sono ottime arrostite, oppure fatte a purè. Giorni fa ho però scovato questo antipasto in  Elizabeth David’s Christmass, l’ho provato e ne sono rimasto molto soddisfatto. 
E’una variazione di quel classico che è egg mayonnaise, ovvero maionese e uova sode; suppongo che possa essere preparato anche con una crema di sedano rapa, mancando le pastinache. Ha la particolarità di essere aromatizzato con dello zenzero in polvere

 

Uova con maionese e pastinache
per 4-6 persone

500 g di pastinache
zenzero in polvere
qualche cucchiaio di una maionese molto soda, condita con senape e limone
4 uova sode
prezzemolo o erba cipollina tritati

Cuocete le pastinache al vapore. Passatele al mixer e riducetele a una crema, condendole poi con sale, pepe (bianco possibilmente) e un pizzico di zenzero. Aggiungete la maionese e mescolate bene, correggendo il tutto di sale, pepe, succo di limone e magari un altro pizzico di zenzero. Fate riposare in frigo per qualche ora, potendo.
Aggiungeteci l’erbetta scelta tritata, disponete a specchio su un piatto da portate e collocateci le uova sode, tagliate a metà.
Un goccio d’olio prima di servire

Sullo zenzero: consiglio di utilizzare le radici secche di zenzero e grattugiarle alla bisogna, anziché usare la polvere di zenzero, il cui aroma svanisce molto in fretta.

Mi hanno fatto notare su Instagram che si potrebbe anche provare ad aromatizzare il tutto con del rafano.

Written by stefano arturi

05/01/2020 at 22:33

3 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Buon Anno!

    StefanGourmet

    07/01/2020 at 22:33

  2. Sempre interessante le tue note storiche.

    StefanGourmet

    07/01/2020 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: