qbbq

Quanto basta di cucina & altro

insalata di melanzane, cipolle e pomodori – un po’ Turca

with 4 comments

Ottima cosa da una grande cuoca: Carla Tomasi, una delle prime donne proprietarie-chef a Londra negli anni Ottanta (il suo ristorante Frith’s fu uno dei primi a fare autentica cucina italiana di classe) e e ora da molti anni a Ostia e a Roma, dove insegna presso una bellissima scuola di cucina.
Il suo account Instagram è sempre fonte di insegnamenti e ispirazione

Questa è una insalata che Carla dice di essere originariamente turca, anche se non si ricorda donde venga. In ogni modo: gran piatto estivo, di quelli da preparare la mattina presto per la sera


Melanzane a cubotti: fritti o al forno, senza lesinare con l’olio
Cipolle (io di Tropea: la loro dolcezza fa la differenza) soffritte dolcemente e a lungo, in abbondante olio e un pizzico di sale. Quando sono completamente cotte e quasi sul diventare dorate, si aggiungono:
semi di cumino e cannella, li si fa rosolare per qualche secondo in modo che sprigionino il loro profumo, poi: tanto aglio a fettine, uvetta rinvenuta (io currants), tanto prezzemolo tritato e menta, tanti pomodori a tocchetti (o a metà se si usano ciliegini)

Si fa insaporire a fuoco gagliardo, ma non facendo disfare i pomodori (non è una salsa). Si versa il tutto sulle melanzane e si mescola.
La cannella si deve sentire. Io ho anche aggiunto un sospetto di aceto, alla fine, per tagliare la dolcezza del piatto.

Written by stefano arturi

19/08/2019 at 22:33

Posted in ristoranti, verdure

Tagged with ,

4 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Carla Tomasi è fantastica ! E’ amica di e collabora con un’altra ‘fantastica’, l’inimitabile Rachel Roddy (inglese). E la terza di queste ‘tre moschettiere’ è la bravissima Alice Kiandra Adams (australiana). Mi sento onoratissima di conoscerle di persona e di aver goduto le loro preparazioni culiniarie. E se è per questo, ho avuto la fortuna anche di conoscere Stefan di Stefan Gourmet. Mi sento tanto una ‘groupie’ ah ah ah del mondo della cucina itaiana. Sarà perché l’amo tanto, tutta, sebbene mi concentri soprattutto su quella romana/laziale.
    Ad ogni modo, lo chef Sandro Masci ci raccontò che la cannella veniva usata molto nella cucina del sud Italia in passato.

    myhomefoodthatsamore

    20/08/2019 at 22:33

    • yup… conosco bene sia Alice sia Rachel: good people and good food.
      si’ effettivamente la cannella era molto usata, leggendo testi anche solo ottocenteschi… in fondo tutte queste cose con le melanzane, in tutto il bacino del Med, sono imparentate…
      questa insalata ottima e caldamente consigliata anche se forse fa da voi troppo caldo per contemplare forno.
      cucina laziale: la conosco molto poco, solo attraverso anna gosetti e ovviamente ada boni: leggo cose buone, ma forse non fra le mie cucine preferite.

      stefano arturi

      20/08/2019 at 22:33

  2. Potrebbe anche essere siciliana. Mi fa pensare della caponata.

    StefanGourmet

    20/08/2019 at 22:33

    • middle eastern cousin, I would say… forse in sicilia non userebbero cannella e introdurrebbero un agrodolce. comunque, si’: stessa famiglia

      stefano arturi

      20/08/2019 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: