qbbq

Quanto basta di cucina & altro

MInestra di topinambur e carote – cucina inglese

with 4 comments

 

Il topinambur non è molto diffuso in Italia, nel senso che non lo si trova facilmente, anche se l’ho visto diverse volte all’Esselunga. Qui in Inghilterra è al contrario di facile reperibilità. Ha un sapore delicato, tra la patata e il carciofo (anche se ha la reputazione di creare sconforto intestinale: vero fino ad un certo punto: io sono della scuola che più si mangia un certo alimento, più il corpo si abitua ai suoi eventuali effetti collaterali, minimizzandoli).

I topinambur (Jerusalem artichokes in inglese, “carciofi di Gerusalemme”, …bel nome, vero? ) sono ottimi crudi, in insalata, tagliati sottilissimi con la mandolina e conditi poi con olio, limone e prezzemolo, o arrostiti in forno, o anche semplicemente cotti al vapore e conditi con olio o burro fuso.

Questa è un’ottima minestra, di Delia Smith. Ho seguito “abbastanza alla lettera” (controsenso?) la ricetta originale, apportando alcune modifiche per “italianizzarla”: non ho ridotto a crema/vellutata ma ho preferito optare per il classico trattamento italiano al passatutto, ho aggiunto abbondante parmigiano e prezzemolo tritato. Noterete un uso generoso di burro: ci sta!

Minestra di topinambur e carote – cucina inglese

6 Porzioni

75 g di burro
una cipolla, tre gambi di sedano (se avete alcune foglie, usate anch’esse), un paio di spicchi d’aglio, tritati
2 foglie di alloro
700 g – 1 kg di topinambur. Se sono terrosi, conviene lasciarli a bagno per un’oretta e poi spazzolarli sotto l’acqua corrente. Generalmente io non li sbuccio. Vanno tritati grossolanamente al mixer in modo da ottenere una consistenza disomogenea, tra il chicco di riso e la piccola nocciola
500 g di carote, tritate come i topinambur
brodo vegetale
parmigiano grattugiato
prezzemolo grattugiato.

Fate sciogliere il burro e aggiungete la cipolla, il sedano, l’aglio e l’alloro. Salate leggermente e fate cuocere fino a che il soffritto sia tenerissimo e ridotto. Aggiungete i topinambur e le carote, date una bella mescolata e, a fiamma media, fate andare per una ventina di minuti, in modo di insaporire le verdure e ridurle di volume.
Coprite a filo con brodo vegetale bollente, aggiungendo una crosta di parmigiano, avendola in frigorifero.
Sobbollire scoperto per una mezz’oretta.
Passate una parte della minestra al foro largo del passatutto. Assaggiate e correggete di sale e pepe; generalmente, quando cucino i topinambur, trovo inoltre che un sospetto di succo di limone ci stia bene, a voi la scelta.
Prezzemolo tritato e parmigiano a piacere

Advertisements

Written by stefano arturi

23/01/2019 at 22:33

Posted in verdure

Tagged with , ,

4 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ciao Stefano, mi piace questa minestra inglese ma italianizzata. Il sconforto dei topinambur diminuisce se sono tenuto a freddo per qualche mese.

    StefanGourmet

    24/01/2019 at 22:33

    • ah si? non sapevo.. grazie.. io confesso che non ho mai sofferto chissà quale inconveniente…e al massimo.. si dorme in camere separate quella sera 🙂

      stefano arturi

      24/01/2019 at 22:33

  2. Ciao, Stefano, come va? E’ un po’ che non ci sentiamo.
    Stuzzicante questa minestra. Non ero a conoscenza degli effetti del topinambur fino al mese scorso quando, degli amici a cena, mi raccontarono di una loro “disavventura” con questo ortaggio (fortunatamente non era compreso nel mio menu). Io non penso di averne mai subito gli effetti e meno male perché mi piace molto.

    eugenia

    23/01/2019 at 22:33

    • ciao Eu
      noi stiamo bene se bene si possa dire in un paese che è sull’orlo di una catastrofe e dove tutti sembrano impazziti.. un lato di me sorride: quando guardandoci dall’alto in basso mi chiedevano delle nostre magagne (Berlusconi ecc).. ora si rendono conto che ogni paese può fare delle mega cazzate (per essere educati)
      io e i topinambur andiamo d’accordo: non ho mai notato chissà quale tumulti intestinali…. boh.. avrò stomaco de fero.. bene perché sono fra le verdure che qui si trovano in buono stato al mercato e non costano una fortuna
      a presto
      ste

      stefano arturi

      24/01/2019 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: