qbbq

Quanto basta di cucina & altro

Casunziei ampezzani con barbabietola e patate

with 4 comments

La cucina italiana non mi finisce mai di stupirmi. Ravioli con barbabietola e patate conditi poi con burro fuso e semi di papavero!.
Cucina dolomitica, robusta, invernale. Non ricordo se ci sia stata un’unica fonte oppure se sia stata il frutto di ricerche e assemblamenti vari (forse da una raccolta del Corriere?)
Il ripieno già da solo vale il piatto: saporitissimo e allegro, il che, in queste lugubri giornate dicembrine, poco non è. Ho fatto questi ravioli sia con barbabietole cotte comprare sia arrostendole da me (in forno, avvolto nell’alluminio, ad alta temperatura). Non è che si sia questa gran differenza confesso.

 

Casunziei ampezzani con barbabietola e patate

6 porzioni

Per la sfoglia pasta dough:
360g farina 00
40g farina integrale fine
4 uova

Il ripieno:
300g patate farinose
500g barbabietola
burro
due cucchiai di pangrattato
1 uovo
Parmigiano grattugiato

Per condire i ravioli
burro
un paio di cucchiai generosi di semi di papavero
Parmigiano grattugiato

 

Arrostite le barbabietole in forno caldissimo, avvolte nell’alluminio.
Pelatele e passatele al mixer, riducendole a purea.
Cuocete al vapore (o in forno) le patate. Passatele allo schiacciapatate.
Mescolate le due puree.
Tostate il pangrattato in una noce di burro, aggiungete le due puree e fatele asciugare.
Trasferite il composto in una terrina, aggiungete l’uovo e il Parmigiano. Fate raffreddare completamente. Questo ripieno può essere preparato con giorni di anticipo.

Fate la sfoglia al solito modo (io mi sono fermato alla penultima tacca dell’Imperia).
Ricavate dei cerchi con un bicchiere o un compassata, farciteli e fatene delle mezzelune, pigiando bene i bordi con una forchetta.

Si cuocino al solito modo e si condiscono con burro fuso in cui avrete fritto i semi di papavero. Abbondante pepe nero e altro Parmigiano.

 

 

 

Written by stefano arturi

17/12/2017 at 22:33

Posted in pasta, uova, verdure

Tagged with , , ,

4 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ciao Stefano. E se, volendo smorzare il sapore alquanto dolce del ripieno, il quark (o simile) lo si usasse nel condimento, aggiungendone una piccola quantità al burro? Messo nel ripieno, poi in cottura non andrebbe ad alterarne la consistenza sciogliendosi? Che ne pensi?
    Bruno

    b13ne

    09/01/2018 at 22:33

  2. Davvero un bel piatto colorato! Hai ragione a dire che non é cosa da poco 😉

    giulia pignatelli

    19/12/2017 at 22:33

  3. Hai ragione, una ricetta stupenda. Non è così sorprendente che le barbabietole cotte al forno sono quasi uguale a quelle già cotte. Anche in forno nell’alluminio sono cotte a vapore.

    StefanGourmet

    18/12/2017 at 22:33

    • ciao stef… sì, hai ragione .. penso che dipenda anche dalla qualità delle verdure e qui ultimamente le barbabietole (crude) e zucche che ho comprato e cucinato, sapevano di pochissimo.
      per quanto riguarda questa ricetta: esiste anche una variante con un formaggio tipo quark (al posto delle patate), che io non ho provoto ma che ha un suo senso, introducendo una nota asprigna in un ripieno altrimenti alquanto dolce. s

      stefano arturi

      18/12/2017 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: