qbbq

Quanto basta di cucina & altro

I pomodori al forno di casa Agnello

with 4 comments

 

Questa bella ricetta è tratta (appena modificata) da Un Filo d’Olio, di Simonetta Agnello Hornby (la romanziera) e sua sorella Chiara Agnello, Sellerio editori. Le due sorelle raccontano delle loro vacanze da piccole presso la masseria di famiglia, Mosè , nella Valle dei Templi, Agrigento, nei primi anni 50: librino delizioso e goloso. Simonetta racconta e Chiara cucina. La cucina è quella estiva, di casa, semplice e gustosa. 
A Mosè, si mangiava soprattutto verdura e questi pomodori ripieni, leggeri e profumati dalle molte erbe presenti, non appesantiti come spesso capita da troppo formaggio grattugiato e uova, sono un bel esempio della cucina di casa Agnello

 

I pomodori ripieni di casa Agnello

6 grossi pomodori
50 g di formaggio grattugiato (io Pecorino giovane)
100 g di pangrattato
2 spicchi d’aglio
2 cucchiai di capperi
1 cucchiaino di te di prezzemolo, 1 di basilico, 1 di menta, tritati
2.3 cucchiai d’olio

Svuotare i pomodori, condirli con un pizzico di sale (io ho anche aggiunto un pizzico di zucchero per dare un po’ di ulteriore sapore ad anemici pomodori olandesi di serra) e lasciarli a testa in giù per un’oretta.
Mescolare la polpa dei pomodori con il pane grattato, l’aglio tritato, le erbette e un cucchiaio d’olio. L’impasto deve risultare morbido, aggiungere acqua se necessario (o pangrattato se troppo molle)
Riempire i pomodori, collocarli su una teglia appena unta (e a cui ho anche aggiunto un filo d’acqua)  e infornare: Chiara Agnello dice: mezz’ora circa a 180 gradi, io ho preferito una lunga cottura a forno moderatissimo: un’ora e mezza a 150 gradi. Tiepidi o a temperatura ambiente sono al loro meglio

 

Advertisements

Written by stefano arturi

30/06/2017 at 22:33

4 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ricetta apparentemente semplice ma di gran gusto che valorizza il gusto del pomodoro ma che aiuta grazie al pecorino alle erbe aromatiche a dare un ottimo sapore anche a pomodori un po’ anemici 🙂

    Gunther Karl Fuchs

    12/07/2017 at 22:33

    • .. concordo con te: sono molto buoni, gustosi ma leggeri. tra altro tutto il libro Un Filo d’Olio vale … (
      le signore Agnello hanno fatto anche una trasmissione televisiva culinaria carina)

      stefano arturi

      12/07/2017 at 22:33

  2. ah ah ah.. no offense given/senza offset Stefan… la cottura lenta fa miracoli: io la adotto spesso per frutta e verdura…

    stefano arturi

    07/07/2017 at 22:33

  3. Buonissimi! Purtroppo anch’io posso solo trovare pomodori olandesi ‘anemici’, ma con la cottura lenta il sapore sarà meglio.

    StefanGourmet

    06/07/2017 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: