qbbq

Quanto basta di cucina & altro

Insalata di melone, rucola e feta e altre insalate con la frutta

with 9 comments

IMG_0766

 

Ho imparato ad apprezzare le insalate estive con la frutta soltanto in questi anni. Per me le regole base sono:

  • abbinare alla frutta (dolce), ingredienti saporiti/salati/aciduli/stuzzicanti, come pomodori non troppo maturi, pecorino, feta, rucola, anelli di cipolla rossa, pancetta croccante (passata a grill), formaggi saporiti/stagionati, affettati, acciughe sott’olio.
  • Non eccedere con la vinaigrette (io recentemente mi sono innamorato dell’aceto ai lamponi e di quello al miele, che penso vadano particolarmente bene con queste insalate di frutta)
  • Aggiungere qualche erbetta profumata come menta e basilico

Queste insalate sono particolarmente belle da vedere se presentate su piatti larghi e bassi, in un solo strato.  

Pesche, pomododori e pecorino
Sbucciate delle pesche e affettatele a spicchi. Aggiungete pomodori da insalata non troppo maturi, anch’essi a spicchi. Condire con una vinaigrette, sale di Maldon, pepe nero, basilico spezzettato e scaglie di pecorino. Potreste anche aggiungera anelli di cipolla rossa.

Melone, pomodori e rucola
Tagliate il melone e I pomodori da insalata a cubotti irregolari. Conditeli con una vingaigrette, sale di Maldon e pepe nero. Aggiungete della rucola, conditela con un filo di olio e anche qui, se volete, scaglie di pecorino (oppure “straccetti” di prosciutto cotto sapido)

Melone, pomodoro e feta
Tagliate il melone e I pomodori da insalata a cubotti irregolari. Conditeli con citronette, sale di Maldon e pepe nero. Aggiungete della feta sbriciolata grossolanamente e della menta spezzetta.

Anguria, feta e menta
Tagliare l’anguria (meglio usare quelle piccoline e senza semi) a tocchi e condirla con una vinaigrette, sale di Maldon e pepe nero. Aggiungete della feta sbriciolata grossolanamente, della menta spezzetta e anelli trasparenti di cipolla rossa.

Nella foto: melone, rucola, feta, olive nere, pomodori secchi, anelli di cipolla rossa precedentemente sciacquata e conservata in frigo in acqua per alcune ore (per far perdere un po’ del suo vigore).

Written by stefano arturi

08/07/2015 at 22:33

9 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. Belle idee, mi piace il melone verde nelle insalate (io mi faccio la feta coi lupini ;))!
    Se interessa, un’altra che ho fatto venerdì scorso e veramente mi è piaciuta molto è questa qui ai mirtilli http://minimalistbaker.com/blueberry-quinoa-salad/?utm_content=buffer0a04c&utm_medium=social&utm_source=facebook.com&utm_campaign=buffer
    Il dressing è abbondantissimo e contiene a mio parere veramente troppo aceto balsamico quindi io l’ho modificato un po’.

    martuzza

    20/07/2015 at 22:33

    • grazie marta…qui non ci sono ancora i mirtilli UK… a settembre… forse per i miei gusti la dovrò’ un po’ “calmare” sta ricetta, ma incuriosito da abbinamento quinoa/mirtilli/nocciole… forse al posto dei mixed green metterei una nota amara, come della rucola (tanto più’ che poi viene usato il balsamico nel dressing)(e magari anche della senape, che dici?)(e quel maple syrup…?? funziona?)… 🙂 d fatto a ben vedere direi che: mi incuriosisce abbinamento ma poi svilupperei ricetta in modo diverso, rendendola meno ” pastone’…. ti faro’ sapere. st

      stefano arturi

      20/07/2015 at 22:33

      • mmmm onestamente da come me la ricordo, io la nota amara (rucola) non ce la vedrei. Nemmeno senape… i mirtilli e le nocciole hanno già un bel gusto pronunciato, perché aggiungerci “altra roba”? Però de gustibus, e poi finché non si prova non si può dire. Il maple syrup non si sente poi tanto, serve solo a stemperare un po’ l’acidità dell’aceto balsamico (che io ho usato di bassa qualità visto che dubito che i miricani in questione avessero un vero modenese aop in dispensa. Altrimenti non lo avrebbero affogato nello sciroppo d’acero tra l’altro…). No, globalmente non mi è parso eccessivo questo condimento, anche lo scalogno ci sta bene al suo posto… tranne, come dicevo, l’esagerata quantità di aceto, e di salsa in generale. Comunque i mirtilli sono talmente buoni che farne una cattiva insalata mi sembra difficile!🙂

        martuzza

        24/07/2015 at 22:33

        • ok… come dici… bisogna provare… qui forse ho avvistato i mirtilli inglesi. vediamo come butta.

          stefano arturi

          26/07/2015 at 22:33

  2. Io faccio io tifo per le voci interessanti come quella di Eugenia: che partecipino sempre di piu’ /per contrastare il cicaleggio idiota e fuffoso di moltissima blogosfera italica

    stefano arturi

    10/07/2015 at 22:33

  3. anch’io le amo, e anch’io le propongo in piatti larghi, anche perché spessore e peso sarebbero altrimenti in conflitto, foglia contro fetta. Anche d’inverno, dove aggiungo formaggi anche cremosi sfiocchettati, di nuovo possibili solo se si procede in orizzontale. .

    artemisia

    10/07/2015 at 22:33

  4. Anche a me piacciono le insalate di frutta e verdura. Ricordo un bell’abbinamento con spinacini novelli, fragole e ricotta stagionata. Mi hai dato un’idea per riportare alla luce una boccetta di aceto ai lamponi dimenticata da tempo in dispensa. Grazie. A presto!

    eugenia

    08/07/2015 at 22:33

    • ciao Eu che piacere incontrarti anche qui.

      artemisia

      10/07/2015 at 22:33

      • e gia’…ho vinto la timidezza😉 prima mi limitavo a leggere avidamente

        eugenia

        10/07/2015 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: