qbbq

Quanto basta di cucina & altro

Lyme in rosa

with 9 comments

 

… primo rabarbaro di stagione la mattina. E poi, improvvisamente, nel tardo pomeriggio, una striscia di rosa nel cielo, che nel giro di pochi minuti ha colorato sempre di più l’orizzonte, e poi uno spicchio di luna e poi la notte. E finalmente a nanna.

Written by stefano arturi

18/03/2013 at 22:33

Posted in Lyme Regis

Tagged with

9 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. In Svezia il rabarbaro non costa niente e io lo coltivo pure in giardino… Ora in Italia che è diventato di moda, per caso?

    Alwx

    12/06/2013 at 22:33

    • no. il rabarbaro in italia non è di moda e infatti non si trova e quando si trova costa una follia. ma qui in UK, come da te, è comune e lo coltivano anche in giardino, anche se il migliore, quello della prima primavera, è cresciuto in modo forzato, in capannotti oscurati, lo raccolgono tenerissimo e di un bellissimo color fucsia.

      stefano arturi

      12/06/2013 at 22:33

  2. Foto bellissime!
    Io purtroppo il rabarbaro non l’ho mai visto nè assaggiato😦

    giulia pignatelli

    26/03/2013 at 22:33

  3. che bello quel rabarbaro, ho tentato di farlo crescere nell’orto di papà e per una stagione l’ho raccolto ma non era così rosso purtroppo….poi una gelata se l’è portato via, bellissimo quel cielo rosa, ciao.

    martari1

    19/03/2013 at 22:33

    • ma che brava! che crescevi il rabarbaro_ mi dicono che cmq non sia difficile, anzi: quel rabarbaro delle foto è rosa-rosso in quanto “forced”, cresciuto al buio.. ma anche quello di giardino, cresciuto fuori, meno bello da vedere, è molto buono… io li uso entrambi. ciao Ma

      stefano arturi

      19/03/2013 at 22:33

  4. Rompo la poesia: GIA` IL RABARBARO????? Che fondo….

    scake

    19/03/2013 at 22:33

    • Skake, ma tu da dove scrivi? se sei in uk, il rabarbaro qui c’è già da diverse settimane, ma io aspettavo quello locale… I supermercati l’hanno e anche un buon fruttivendolo. s

      stefano arturi

      19/03/2013 at 22:33

      • Caro Ste sono tornata in Italia da un pezzo…PURTROPPOOOOO!!!!!!!!!!!!!!
        Faccio la scorta quando salgo a Londra in Aprile: ho una sincera e totale venerazione per il rabarbaro con la custard, mi fa quasi venire la pelle d’oca. Ogni anno attendo gli steli delle piante che abbiamo in baita con trepidazione, anche perche` parliamoci chiaro: in Italia al mercato non lo vendono.
        Ciaociao

        scake

        19/03/2013 at 22:33

        • … in Italia… perlomeno dai mie ottimi fruttivendoli del mio quartiere a Milano.. lo vendevano.. o meglio… lo dovevo ordinare…ma ai mercati generali c’è… devo ammettere che mi mancano molto i miei negozi di MIlano, coi quali, negli anni, avevo intrecciato buoni rapporti.. come dire.. i negozi te li devi curare, come le piante di un giardino e, a meno che siano proprio caproni, alla fine ti accontentano: io molto fortunato perchè i miei sono molto bravi e hanno un bel negozio, al quale potevo ordinare tutto e, chiarisco subito, non era che i prezzi fossero molto più alti di quelli del super. tu sei in una città/paese/borgo/ du strade in croce? Io ho imparato che se “rompi le balle” in maniera gentile (tanto poi ci lasci fior di sghei) un negoziante intelligente ti procura tutto quello che vuoi. L’unica verdura che non mi hanno mai procurato, ma io non ho insistito molto, sono i parsnip… che cmq a Milano ho visto… + concordo: rabarbaro e custard (e magari un frollino di shortbread) è– umo dei piaceri della vita- ciau

          stefano arturi

          19/03/2013 at 22:33


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: